Da dove sei tu a Tolmino (Slo), sulle tracce di una maga Russa.

genealogia

Indicazione utile per seguire la vicenda: In Treno dall'India a Tolmino in una notte

Vi è sempre, nei racconti ascoltati o letti, qualcosa che va a depositarsi negli spazi profondi della memoria e da lì, quando serve,  ritorna a vivere.

Occhi.jpgNicola era rimasto colpito dal sogno (vedi episodio) e subito lo raccontò alla mamma. Si stupì anche quanto sua madre Ester gli raccontò della loro trisavola veggente e certe cose raccontate coincidevano con le sue visioni notturne.
Era estate, le belle giornate di luglio consigliavano di fare delle gite. Nicola, preso dai sui ragionamenti decise proprio di mettersi alla ricerca alle tracce attorno alla figura di Pelageya, medium, o maga, o non sapeva come definirla; insomma la corrispondente mediatica con la bisnonna. La donna russa che decise di fermarsi a vivere a Most na Soči (Slovenia) nel lontano 1920, ben 120 anni fa.  Ci vedeva, in quel luogo, motivi di forti cambiamenti positivi. Soprattutto per le future generazioni e questi cambiamenti si sarebbero avverati dopo periodi cupi per quei territori solcati dallo scorrere delle acque e dagli scoscesi pendi, lungo i fianchi dei monti per lunghi anni posti ai confini di troppe rigidezze mentali e sociali. Retaggi spesso ben più profondi della natura severa dei luoghi.

Nicola informò la madre sulle intenzioni: andare a Trieste, passare a salutare nonno Teodoro, chiedergli se ricordava cose utili alla sua ricerca. Dopo avrebbe preso il treno alla stazione di Campo Marzio, cioè al capolinea della ferrovia voluta dagli Asburgo realizzata nel 1910, la Transalpina. Da lì avrebbe raggiunto Most na Soči e preso alloggio in qualche economica pensione.

Lageplan-der-Tauernbahn-(1921).jpg

Va bene disse Ester, era contenta perché poteva far recapitare a Teodoro un pacchetto di dolci all’amaretto di cui andava ghiotto. Chiese anche al figlio come pensava di regolarsi con la lingua slovena che non conosceva e poco capiva della lingua inglese.

Solo allora Nicola confidò di aver coinvolto Mjura, un’amica di scuola di Duino, lei era slovena. Italiana della minoranza slovena e in famiglia parlavano solo sloveno, magari con accento carsico. Lei lo avrebbe accompagnato. L’appuntamento era fissato a Campo Marzio, presso il treno, all’ora convenuta.
La madre annuì e le sue labbra tracciarono un lungo sorriso chiuso, ma evidente. Espressione chiara di chi, senza proferire voce, coglie tutto.
Nicola partì di martedì, con il treno da Udine per Trieste. Si recò a trovare nonno Teodoro, portò i dolci speciali, subito graditi e condivisi.  Pochi furono i ricordi legati agli obiettivi della ricerca, salvo l’indirizzo di una biblioteca di Tolmino dove, forse, avrebbe trovato qualche notizia.

Mjura lo aspettava in campo Marzio, era stupenda, come mai l’aveva vista, era passato quasi un anno, si cambia. Meglio se ci sarà l’inizio di una condivisa passione fiorita sul binario di un’esplorazione.

campo marzio.jpg

– Ora qui ci sta  il Museo ferroviario, durante la seconda guerra mondiale, scoperchiarono il tetto della stazione per evitare che fosse bombardata. Ma non so se partono ancora treni da qui?  – Disse e chiese Mjura.

f01.jpg

Si. Oggi per noi il treno c’è – rispose con estrema risolutezza Nicola.
Saliti sul treno, le spiegò per bene i suoi intenti, al telefono non tutto si comprende. A Mjura il ruolo era chiaro, non solo un’interprete, ma una vera guida e una bella collaboratrice.

Il treno procedeva sornione, Gorizia era passata lungo i finestrini e l’Isonzo quando compariva tra gli alberi e il prato, abbagliava con il suo verde smeraldo, tra poco saranno a Kanal, la metà s’avvicina.

A Most na Soči scenderanno dal treno che proseguirà il suo tragitto sulla Transalpina fin su a trovare le Alpi. I nostri prenderanno il bus per raggiungere l’operosa Tolmino con i suoi misteri nascosti come quelli della maga Pelageya con le sue premonizioni.

Noi, invece,  per saperne di più dobbiamo pazientare che in stazione giunga la continuazione di questa avvenuta mobile. A presto.

Annunci

Un pensiero su “Da dove sei tu a Tolmino (Slo), sulle tracce di una maga Russa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...